I vincitori dei Diversity Media Awards 2017



Nella prestigiosa cornice dell'UniCredit Pavilion di Milano, si è svolta la serata dei Diversity Media Awards 2017 con l'assegnazione dei riconoscimenti ai personaggi e ai contenuti media che nel 2016 hanno contribuito a una rappresentazione valorizzante delle persone e delle tematiche lgbt. Le nomination sono il frutto del Diversity Media Report 2016 (DMR), l'analisi qualitativa effettuata su 226 prodotti media da un gruppo di ricerca coordinato da una commissione di 12 docenti provenienti da 9 tra i principali atenei italiani.
La serata, condotta da Fabio Canino e Carolina di Domenico (che sarà trasmessa mercoledì 7 giugno, alle ore 21.10, su Real Timeha visto la presenza di Lino Banfi, Ermal Meta, Paola Turci, Javier Zanetti, Malika Ayane, Paolo Genovese, Edoardo Leo, Syria, Ivan Cotroneo, Roberto Vecchioni, Ilaria Dallatana, Gino Strada, Ilenia Lazzarin, Paolo Sassanelli, Debora Villa, Oscar Farinetti, Michelangelo Tommaso, Matteo Bordone, Daniele Gattano, Antonio Ornano, Drusilla Foer, Carla Gozzi, Giacomo Mazzariol, Julian Hargreaves.

Di seguito tutti i vincitori:

Miglior serie TV italiana: Un medico in famiglia (Publispei, Rai Fiction - Rai Uno)
Web influencer dell'anno: Lodovica Comello
Miglior programma radio: Il ruggito del coniglio (Rai Radio due)
Miglior pubblicità: Smemoranda, Liberi di amare (GUT Distribution - Smemoranda)
Miglior serie Tv straniera: Modern Family (Lloyd-Levitan Productions, 20th Century Fox Television - Fox, TV8)
Miglior Film: Perfetti sconosciuti (Medusa film, Lotus Production, Leone Film Group)
Miglior programma: Stato civile (Panamafil - Rai Tre)
Personaggio dell'anno: J-AX

Il premio Diversity Media Young è stato assegnato ad "Orange is the bew black". Francesco Merlo ha conquistato il premio per il miglior articolo con "A casa di Nichi ed Ed" mentre il miglior articolo di costume è risultato "vi sembra possibile essere adottati dalla mamma?" Pubblicato su Marie Claire.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24] [25] [26] [27] [28]
Commenti