L'Egitto potrebbe introdurre una tra le peggiori leggi anti-gay del mondo



L'Egitto sta considerando l'ipotesi di introdurre la più repressiva legge anti-gay del mondo. Il progetto non solo criminalizzerebbe ogni rapporto fra persone dello stesso sesso, ma vieterebbe anche qualsiasi sostegno ai diritti degli omosessuali, compresa l'esposizione di una semplice bandiera arcobaleno. Ogni trasgressione potebbe essere punita con pene detentive che arriveranno a 5 anni di carcere.
Si tratta di un'iniziativa che segue la massiccia repressione della comunità lgbt messa in atto dalle autorità egiziane in seguito all'esposizione di una bandiera rainbow durante un concerto tenutosi lo scorso settembre al Cairo. Più di 60 persone sono state arrestate con l'accusa di "incitamento alla dissolutezza e all'omosessualità", tra cui quell'Ahmed Alaa che ha sventolato una bandiera arcobaleno proprio durante il concerto del gruppo libanese in cui si esibisce un cantante apertamente gay.
2 commenti